Non solo astensionismo, ma anche declino del seguito del Pd e trasformazione del ruolo sociale e politico del M5S

Tra pochi giorni gli esiti dei ballottaggi ci diranno chi sono i vincitori e i vinti di questa importante tornata di elezioni amministrative. Ma già i risultati del primo turno ci forniscono indicazioni molto significative sugli sviluppi e la conformazione dell’attuale assetto politico. Al di là delle percentuali di voto nelle singole città, emergono infatti, osservando l’insieme dei dati e basandosi sulle numerose e articolate analisi apparse in questi giorni, alcuni trend che connotano i risultati. In particolare, se ne colgono cinque:

1) In primo luogo, affiora il riproporsi delle motivazioni più direttamente connesse alla situazione economica nella formazione della scelta di voto. La netta differenza dei risultati tre le zone centrali e quelle periferiche di diverse città (con, spesso, un declino del Pd in queste ultime) suggerisce infatti come, tramontata ormai da tempo la scelta basata sulle ideologie – ma anche quella legata all’appartenenza di partito – acquista sempre maggiore importanza nella decisione di voto la considerazione del proprio stato economico e sociale e, per le grandi città, la valutazione della situazione urbana e del degrado, più o meno accentuato, di alcune aree del contesto abitativo.

2) Vi è poi il fenomeno delle astensioni, che riemerge puntualmente. In realtà, non è tanto il trend in sé (che ci allinea a ciò che accade in molti altri paesi) a preoccupare, quanto il fatto che, come mostrano gli studi effettuati al riguardo, si accresca di anno in anno la tipologia specifica delle astensioni “per scelta”, frutto di una valutazione consapevole dell’offerta politica e della percezione, a torto o a ragione, della sua insufficienza. In altre parole, un numero crescente di cittadini è portato a ritenere che i diversi partiti presenti sul territorio non siano in grado – o, in certi casi non vogliano – affrontare adeguatamente i problemi di quest’ultimo. Di qui la sempre più diffusa sfiducia nella politica e, di conseguenza, la scelta dell’astensione. Pur non avendo raggiunto i livelli previsti da alcuni analisti, la diserzione dalle urne è stata infatti notevole: ha votato il 62% a fronte del 67% delle elezioni precedenti, con un calo, dunque, di ben 5 punti. In parte, certo, dovuto all’assenza del voto al lunedì e al lungo ponte, ma anche legato alla disaffezione dalla politica. Il fatto che a Milano – in cui il comportamento elettorale spesso anticipa trend nazionali – si sia recato al voto meno del 55% dell’elettorato (uno dei tassi di partecipazione in assoluto più contenuti tra quelli registrati domenica, con un calo di quasi il 13% rispetto alle precedenti amministrative, la diminuzione maggiore registrata tra i principali comuni interessati al voto) mostra come la disaffezione costituisca un fenomeno che sarebbe errato sottovalutare. È indicativa l’analisi di Roberto D’Alimonte che rileva come “la scelta più frequente di chi ha cambiato il comportamento elettorale è stata il non voto”.

3) Sul piano del consenso per i singoli partiti, uno dei dati di maggior rilievo è rappresentato dal declino, in molti contesti, del seguito del Pd, che fa seguito al trend negativo della popolarità di Renzi, già rilevato nei mesi scorsi. In tutte le grandi città il Pd perde consensi, sia in percentuale, sia, specialmente, in valore assoluto rispetto a tutte le elezioni precedenti, dalle europee alle politiche, sino alle amministrative del 2011. Pur tenendo conto della presenza, in queste comunali, di numerose liste civiche comunque orientate verso il centrosinistra che hanno in parte drenato il voto dal partito maggiore, il calo rimane numericamente significativo. Ma, oltre al trend in sé, ciò che colpisce sono le sue caratteristiche, sia in termini di flussi verso altri partiti, sia in termini di connotazione sociale dei voti persi. Riguardo ai primi c’è da sottolineare soprattutto il travaso di voti verso il M5S. Lo indica anche un sondaggio effettuato successivamente al voto da Eumetra Monterosa (intervistando un campione di italiani residenti nell’insieme dei centri in cui si sono tenute le elezioni) che, a differenza delle analisi già apparse sui media, non riguarda singolarmente l’una o l’altra città ove si è votato, ma considera il complesso degli elettori coinvolti nelle amministrative di domenica. Colpisce il fatto che una parte consistente dei voti che il Pd aveva ottenuto alle ultime europee si sia diretta verso il M5S. Si tratta in buona misura di voti provenienti dalle classi sociali meno elevate. Al riguardo, abbiamo già sottolineato l’erosione nell’elettorato popolare, tradizionale area di riferimento del maggior partito del centrosinistra e residente in larga parte nelle periferie delle città, proprio dove il Pd ha perso più voti. Anche un’analisi di Ipsos, pubblicata sul “Corriere della Sera”, mostra che il voto operaio si è diretto sempre più verso il M5S e il centrodestra (attratto qui specialmente dai temi legati alla sicurezza e all’immigrazione). Ancora, Federico Fubini ha realizzato un originale studio sulla relazione tra voto e prezzo delle case, mostrando che dove quest’ultimo è inferiore (vale a dire nelle periferie) si accresce il vantaggio del M5S sul Pd.

4) Questi flussi suggeriscono l’esistenza di un processo di parziale trasformazione del ruolo sociale e politico del M5S. Da mero collettore della protesta indifferenziata alla, almeno in parte, rappresentanza dei ceti più svantaggiati. Come si sa, al di là dei successi ottenuti a Roma e a Torino, il M5S non appare in genere cresciuto in termini di consensi, subendo, come ha mostrato l’Istituto Cattaneo, anche una erosione verso l’astensione. A Milano, ad esempio, è calato di 67 mila voti rispetto al 2013. A Napoli di 73 mila. E a Bologna di 14 mila. Ma, come si è detto, sembra emergere un mutamento del tipo di elettorato che afferisce al movimento di Grillo e, specialmente, delle motivazioni che spingono al votarlo. Spesso esso è stato scelto non tanto e non solo per la mera – comunque sempre efficace elettoralmente – contestazione dell’offerta politica esistente, quanto anche come segnale di reazione alla propria condizione disagiata, sia dal punto di vista lavorativo e sociale che da quello abitativo. Specie (come hanno notato Antonio Noto e Nicola Piepoli) tra i votanti più giovani, ove il M5S ha rappresentato un’alternativa all’astensione, che costituisce una scelta tradizionalmente molto diffusa tra le nuove generazioni. C’è naturalmente da domandarsi se nel futuro il movimento di Grillo saprà rispondere adeguatamente a questa diversa domanda di una parte crescente del suo elettorato.

5) C’è da registrare infine, soprattutto a Milano – ma non solo in questa città – l’emergere, ancora incerto e contraddittorio, delle forze più moderate, sia nel centrodestra, sia nel centrosinistra. Il fenomeno è interessante soprattutto perché, come si è accennato, il capoluogo lombardo è spesso stato nel passato, sia in positivo, sia, talvolta, in negativo, un punto di inizio di processi che hanno poi investito l’intero Paese. In queste elezioni, proprio a Milano, le forze più estreme di entrambi gli schieramenti – dalla Lega a Fratelli d’Italia, sino alle formazioni a sinistra del Pd – hanno ottenuto risultati assai più modesti delle aspettative iniziali di alcuni. Premiando, anche grazie alla figura dei candidati, una visione più ragionevole e “moderata” dello scontro politico. Mostrando che, come ha scritto Venanzio Postiglione “Più l’offerta politica è alta (coalizione unita, candidato forte) più la protesta tenderà ad affievolirsi”.